Fucsia un sistema operativo totalmente nuovo, attualmente nelle primissime fasi di sviluppo presso Google. In cosa differisce da Android e Chrome e potrebbe sostituirne uno? Scomponiamolo.



Cos'è questa cosa?

Fuchsia è apparso per la prima volta sul radar del mondo tecnologico a metà del 2016, quando un progetto open source non annunciato di Google apparso sul repository GitHub . Secondo l'ispezione iniziale da parte della stampa tecnologica, è stato progettato per essere un sistema operativo universale, in grado di funzionare su qualsiasi cosa, dagli smartwatch a bassa potenza ai desktop potenti. Ciò include potenzialmente telefoni, tablet, laptop, elettronica per auto, elettrodomestici connessi, hardware per smarthome e altro ancora.

Un sistema operativo universale è una specie di santo graal per i produttori di software, ma non è stato ancora realizzato. Microsoft ha cercato di rendere universale Windows 10, almeno nel senso che sono stati realizzati alcuni telefoni in grado di eseguirlo in una versione ridotta. Notoriamente Apple ha affermato (in modo piuttosto dubbio) che l'iPhone originale funzionava con il vero OS X, prima di abbandonare quel concetto a favore di un iOS di marca. Il più vicino a cui siamo arrivati ​​a sistemi operativi che funzionano a tutti i livelli di hardware di consumo è, ironia della sorte, Linux. Varie versioni del kernel Linux sono utilizzate per Android, Chrome OS, set-top box, router e modem, dispositivi intelligenti e tonnellate di software industriale.

Il tentativo di Microsoft di una piattaforma universale non ha avuto molto successo.

Ma il punto non è semplicemente far funzionare hardware diverso su un software vagamente simile. L'obiettivo di Microsoft, Apple e Google è creare un unico sistema operativo in grado di eseguire le stesse app con modifiche di sviluppo minime su una gamma di hardware quanto più ampia possibile. Ciò faciliterebbe una facile interconnessione nella tecnologia a livello di consumatore, attirerebbe gli sviluppatori di software che desiderano creare app in modo efficiente su più piattaforme e, soprattutto, porterebbe i consumatori a rinchiudersi in un unico ecosistema software facile da controllare (e difficile da lasciare per la concorrenza).

Google non è uscito per dire che questo è l'obiettivo di Fuchsia, in effetti, Google non ha detto molto su Fuchsia, ma sembra un'aspirazione naturale. Ciò è supportato da alcune funzionalità multipiattaforma integrate con Android e iOS.

Elenco di compatibilità dei telefoni Android per auto

IMPARENTATO: Android è basato su Linux, ma cosa significa?

In che modo Fuchsia è correlato ad Android e Chrome?

Lontano. Mentre Android e Chrome OS entrambi usano una versione pesantemente modificata del kernel Linux , Fuchsia è costruito da zero su un micro-kernel completamente nuovo chiamato Zircon.

Annuncio pubblicitario

Le differenze tra un kernel del sistema operativo convenzionale e un microkernel sono complicate, ma l'essenza di base è che i microkernel sono costruiti da zero per l'efficienza e la flessibilità. Il concetto risale a decenni fa, ma è stato in gran parte abbandonato quando la potenza del computer, la memoria e lo spazio di archiviazione sono sbocciati negli anni '90. Ora, con la tendenza dell'elettronica di consumo che si sposta verso hardware più piccolo, più efficiente e più portatile, Google vede l'architettura del microkernel come una potenziale soluzione per il suo sistema operativo di prossima generazione.

Concetti di interfaccia utente fucsia in esecuzione su un telefono Android.

Non fa male che con un sistema che ha creato da solo, Google ha il controllo più o meno totale su come si evolvono Zircon e Fuchsia, sia prima che dopo l'arrivo sul mercato (se mai arriverà). Google ha imparato la lezione con Android, che ora è fortemente fratturato a livello dei consumatori grazie alla sua natura open source. Chrome OS è essenzialmente bloccato dai suoi termini di licenza, anche se tecnicamente è anche open source. Fucshia, ancora una volta open source, sarebbe presumibilmente controllato quasi interamente da Google stesso, anche se funzionasse su hardware venduto da società partner.

IMPARENTATO: Prime impressioni di Google Pixel 4: radar, sblocco con il volto e fotocamera

In che modo Fuchsia influenzerà gli sviluppatori?

Fuchsia non è ancora al punto in cui gli sviluppatori possono creare praticamente applicazioni complete. Ma quando arriverà, Google non intende abbandonare completamente il lavoro che ha svolto su Android. Le app Fuchsia possono essere scritte in una varietà di linguaggi di programmazione popolari utilizzando il nuovo kit di sviluppo software Flutter.

Flutter consente di scrivere app con la massima compatibilità tra Fucshia, Android e iOS. Ciò non solo significa che le app possono essere scritte su tutte e tre le piattaforme con un investimento minimo, ma semplifica il porting delle app esistenti su Fuchsia e il supporto di tutte e tre le piattaforme.

Flutter si basa anche sull'attuale standard di progettazione visiva di Google, Material Design, a cui aderisce per tutte le sue proprietà Android, Chrome OS e Web (in varia misura). Include il supporto per elementi avanzati dell'interfaccia utente basati sul motore di rendering flessibile Vulkan, comprese le ombre volumetriche (uno strumento preferito di Material Design) e animazioni super fluide a 120 FPS. È anche capace di alcune applicazioni di gioco e multimediali impressionanti, anche se le prestazioni dipenderanno ovviamente dall'hardware.

cos'è un monitor con risoluzione 4k
Annuncio pubblicitario

Se ti stai chiedendo perché Chrome OS non è in quell'elenco di compatibilità, ricorda che le app per Chrome sono quasi interamente basate sul Web. Non scarica codice e non lo esegue localmente come la maggior parte degli altri sistemi operativi. Ma Chrome OS potere esegui app Android ora , e questa capacità viene notevolmente ampliata da Google in ogni versione principale di Chrome. La conclusione più semplice da trarre è che Google spera di trasferire la sua infrastruttura Play Store ad almeno alcune app desktop complete basate su Android per Chrome OS.

A quel punto, se Google riuscisse a lanciare Fuchsia e sostituire o eseguire la transizione di entrambe le piattaforme, sarebbe un facile aggiustamento da fare per gli sviluppatori (e quindi gli utenti).

Quando esce il fucsia?

La risposta semplice è: non ne abbiamo idea. Fuchsia è in una fase così iniziale che probabilmente Google non ha nemmeno una tabella di marcia fissa. Google ha commentato il progetto in modo molto scarso, tranne per confermare che è una cosa reale che ha un supporto significativo. Al momento, l'unica informazione facilmente disponibile su Fuschia è il suo codice sorgente, che è pubblicato sia su GitHub che sul repository di Google.

È del tutto possibile che a un certo punto Google valuterà Fuchsia in relazione alle attuali condizioni di mercato e deciderà di scartare il progetto. Potrebbe continuare con Android (difettoso com'è) e Chrome OS, o sviluppare qualcosa che non abbiamo ancora visto. Ma al momento, Fuchsia sembra il successore più probabile (se distante) di Android e forse di Chrome.

Posso provarlo ora?

Una specie di. Nei repository open source sono disponibili abbastanza ossa di Fuschia che è possibile ottenere una build estremamente anticipata del progetto, ma solo su alcuni componenti hardware specifici al momento. Al momento della scrittura, questi sono limitati al Mini PC Intel NUC , il Acer Switch Alpha 12 tavoletta, l'HiKey960 , e il Khadas VIM . Questi ultimi due sono system-on-a-chip, come un Raspberry Pi più potente.

Switch Alpha 12 di Acer è uno dei pochi dispositivi mainstream ufficialmente supportati dalle prime build Fuchsia.

C'è un componente hardware che non è ufficialmente supportato, ma che può comunque eseguire Fuchsia: il Pixelbook. E ha senso: in quanto Chromebook super premium di Google, è naturale presumere che ce ne siano un sacco che vagano per i corridoi nelle mani degli sviluppatori di Google. Ron Amadeo di Ars Technica è riuscito a far funzionare il primo codice Fuchsia su un modello consumer per verificare il sistema operativo.

Ars Technica ha installato Fuchsia su Pixelbook.

Annuncio pubblicitario

È anche possibile eseguire frammenti di codice Fuchsia su telefoni Android utilizzando alcune build precedenti. Ma in tutti questi casi, avrai bisogno di alcune seri capacità tecniche per costruire il codice fino al punto in cui puoi installarlo e il ritorno sul tuo investimento di tempo non sarà eccezionale. Sarai solo in grado di vedere come funziona una versione iniziale dell'interfaccia utente. Anche l'accesso a Google non funziona al momento. Consiglio di dare un'occhiata agli articoli tecnici che sono già stati scritti o di guardarne alcuni video pratici su YouTube .

come fare uno screenshot di Windows 10

Credito immagine: Ron Amadeo/Ars Technica , Microsoft , Amazon

LEGGI SUCCESSIVO