Gli hypervisor sono ciò che rende possibili le macchine virtuali e non sono più solo per i server. Probabilmente ne usi uno ogni giorno e non lo sai nemmeno. Se non ne usi uno ora, lo farai nel prossimo futuro.



Un hypervisor è un software che esiste al di fuori di un sistema operativo guest per intercettare i comandi inviati all'hardware del computer. Il termine hypervisor deriva dai diversi livelli di an kernel dei sistemi operativi ; esegue azioni con più autorità rispetto al livello di supervisore, quindi, iper -mirino.

Immagine via striato su Flickr

Nozioni di base sull'hypervisor

Un hypervisor è anche noto come Virtual Machine Manager (VMM) e il suo unico scopo è consentire a più macchine di condividere un'unica piattaforma hardware. I sistemi operativi sono progettati in modo da avere una relazione uno a uno con l'hardware su cui sono in esecuzione, ma con processori multi-core e multi-thread e quantità ridicole di RAM, eseguire più contemporaneamente è un gioco da ragazzi.

L'hypervisor separa il sistema operativo (SO) dall'hardware assumendosi la responsabilità di consentire a ciascun sistema operativo in esecuzione il tempo con l'hardware sottostante. Agisce come un poliziotto del traffico per consentire il tempo di utilizzare CPU, memoria, GPU e altro hardware. Ogni sistema operativo controllato dall'hypervisor è chiamato SO guest e il sistema operativo dell'hypervisor, se presente, è chiamato OS host. Poiché si trova tra il SO guest e l'hardware, puoi avere tanti SO guest diversi quanti ne può gestire il tuo sistema; puoi anche avere diversi tipi (ad esempio Windows, OS X, Linux).

La separazione tra hardware e software si rivela utile anche per la portabilità. Poiché l'hypervisor funge da intermediario, è molto più semplice passare da un computer all'altro senza dover installare nuovi driver o aggiornare il sistema operativo guest. Potresti averlo notato se hai preso le tue macchine virtuali Virtualbox e le hai messe su un computer diverso. Per il sistema operativo guest, non vi è alcun cambiamento evidente anche se il sistema operativo host e l'hardware potrebbero essere completamente diversi.

Annuncio pubblicitario

Un altro importante vantaggio della virtualizzazione di un sistema operativo è la sicurezza. Se desideri testare software che potrebbe essere dannoso per il tuo computer, ti consigliamo di testarlo su una macchina virtuale piuttosto che sul tuo sistema operativo host. Se il sistema operativo guest viene infettato e pieno di virus, non influirà sui file sul sistema operativo host, a meno che le cartelle condivise o un bridge di rete non colleghino i due. I due sistemi operativi esistono completamente separati l'uno dall'altro e non conoscono l'esistenza l'uno dell'altro, il che rende l'informatica sicura.

gioca ai giochi di windows su mac

Alcuni hypervisor popolari sono VMware ESXi, Xen, Microsoft Hyper-V, VMware Workstation, Oracle Virtualbox e Microsoft VirtualPC. Tutti questi consentono a un utente di virtualizzare uno o più sistemi operativi su un singolo componente hardware.

Diversi tipi di hypervisor

Gli hypervisor possono essere suddivisi in due tipi principali:

    Tipo 1, noto anche come bare metal, è un hypervisor che si installa direttamente su un computer. Non esiste un sistema operativo host e l'hypervisor ha accesso diretto a tutto l'hardware e le funzionalità. Il motivo principale per installare un hypervisor di tipo 1 è eseguire più sistemi operativi sullo stesso computer senza il sovraccarico di un sistema operativo host o sfruttare la portabilità e l'astrazione dell'hardware. Il bare metal è più spesso utilizzato per i server a causa della loro sicurezza e portabilità per passare da hardware a hardware in caso di crash. Buoni esempi di hypervisor di tipo 1 sono VMware ESXi, Citrix XenServer e Microsoft Hyper-V. Tipo 2, alias ospitato, è ciò che la maggior parte delle persone conosce quando si tratta di virtualizzare i sistemi operativi. Gli hypervisor ospitati richiedono un sistema operativo host e sono spesso trattati come software installato all'interno dell'host. Il tipo 2 può ancora eseguire più sistemi operativi contemporaneamente, ma non ha accesso diretto all'hardware e quindi ha un sovraccarico maggiore durante l'esecuzione di un guest. Ciò significa che il sistema operativo guest non funzionerà al massimo delle sue potenzialità e se il tuo host si arresta in modo anomalo, non avrai nemmeno accesso ai tuoi ospiti. Gli hypervisor di tipo 2 sono la soluzione ideale quando è necessario testare più sistemi operativi all'interno di Windows, OS X o Linux. Buoni esempi sono VMWare Workstation, VMware Parallels, Oracle Virtualbox e Microsoft VirtualPC.

Hypervisor del futuro

La maggior parte degli hypervisor oggi viene utilizzata per distribuzioni di server su larga scala o per consentire agli utenti finali di eseguire app legacy o provare un sistema operativo diverso. C'è già stato qualche cambiamento a questo modo di pensare, tuttavia con le versioni attuali di Android e le voci su Windows 8.

Android utilizza un kernel Linux per l'interazione con l'hardware e i servizi in background, quindi utilizza una macchina virtuale chiamata Dalvik per eseguire il software con cui l'utente interagisce. Nonostante non consenta a un utente di eseguire più sistemi operativi contemporaneamente, Android è molto simile a un hypervisor di tipo 1. L'host Linux sottostante è completamente trasparente per l'utente finale, a meno che non si esegua il root del telefono e si desideri interagire con esso.

Si dice che Windows 8 funzioni interamente come SO guest su Hyper-V di Microsoft. Hyper-V si assumerà la responsabilità della gestione dell'hardware e dell'esecuzione di attività in background come backup e controlli del file system. Simile ad Android, ciò ti consentirebbe di avere una migliore portabilità, flessibilità e sicurezza all'interno del tuo sistema operativo. Per non parlare del fatto che renderebbe la tua installazione di Windows 8 completamente portatile in modo da poterla portare con te da un computer all'altro.

I server Web continueranno a sfruttare gli hypervisor per massimizzare l'utilizzo dell'hardware e contenere i costi. Se hai condiviso l'hosting web tramite un host web popolare, molto probabilmente sei già su un hypervisor di tipo 1 e non lo sapevi. Con un buon hardware per server, gli hypervisor bare metal possono superare i limiti dall'avere un solo sistema operativo installato, a letteralmente migliaia disponibili. Ciò non solo consente di risparmiare denaro quando si tratta di acquistare hardware, ma anche il raffreddamento e l'alimentazione sono ridotti a una piccola frazione rispetto a prima per eseguire la stessa quantità di macchine.

LEGGI SUCCESSIVO